Immigranti, veri o falsi; navi Ong e trafficanti. Furbi, furbetti, ed altre tragiche sciocchezze. Di Arianne Ghersi.

Mar Mediterraneo, 2022.

Nell’opinione pubblica italiana e nei media spesso si è discusso ed analizzato il ruolo delle Ong e delle associazioni umanitarie in genere, quasi si fosse creato un dualismo sciocco tra indomiti eroi e scellerati cittadini che non li reputano tali. Questa narrazione, a mio avviso, ha fuorviato il dibattitto e spostato l’attenzione unicamente su ciò che si potrebbe definire “la punta dell’iceberg”.

Come spesso stanno le cose.

Qualsiasi persona, me compresa, dotata di coscienza e senso civico si dispera all’idea che orde di uomini donne e bambini considerino la loro vita nei paesi di origine a tal punto intollerabile da intraprendere un viaggio pericoloso. Proprio sul viaggio e su chi lo rende possibile dovremmo concentrarci.

Numerosi libri alla “portata di tutti” (reperibili in qualsiasi libreria e con linguaggio semplice, scritti da indubbi professionisti e non solo da accademici) descrivono in maniera chiara ciò che avviene; suggerisco: “L’ombra del nemico” di Marta Serafini, “Mercanti di uomini” di Loretta Napoleoni e “Sahara, deserto di mafie e jihad” di Massimiliano Boccolini e Alessio Postiglione. Questi testi, redatti da illustri giornalisti, che hanno svolto approfondite ricerche, ci impongono serie riflessioni: il primo dona al lettore la consapevolezza di quanto sia facile per terroristi mascherati da migranti inserirsi nel sistema ed arrivare in Europa; il secondo, analizza come la mafia libica abbia appoggi anche nei paesi confinanti ed il titolo stesso testimonia la squallida realtà di persone disperate e pronte a compiere sacrifici immani affidandosi a personaggi loschi; il terzo, analizza come molte organizzazioni terroristiche abbiano abbandonato il business dei rapimenti di turisti e lavoratori (negli anni scorsi sono stati coinvolti anche italiani) perché ormai consapevoli che l’immigrazione sia la vera risorsa a cui attingere.

Questo sommario quadro che ho descritto (ve ne consiglio la lettura) è confermato da un libro “Io Khaled vendo uomini e sono innocente”. In questo testo l’autrice, Francesca Mannocchi, ha raccolto la testimonianza di uno scafista libico che ha voluto ripercorrere la sua vita personale e donare una nuova lente con cui guardare all’immigrazione. Emerge come, già dai tempi di Gheddafi, il governo gestiva/filtrava l’immigrazione e che il fenomeno era usato/sfruttato dallo stesso governo per ottenere concessioni. Risale al febbraio 2015 l’ultima intervista in cui il rais dichiarò: “Senza me vi invaderanno”, “il Mediterraneo diventerà un mare di caos” ed ancora “La scelta è tra me o Al Qaeda”.[https://www.ilgiornale.it/news/politica/quando-gheddafi-ci-disse-senza-di-me-vi-invaderanno-1094968.html]

Alla luce di quanto descritto e del piccolo excursus su quanto paventato dallo stesso Gheddafi, la testimonianza dello scafista “pentito ma non troppo” squarcia un muro di omertà e perbenismo. Bisogna finalmente ammettere che i migranti non si limitano a pagare un viaggio pericoloso (si stima che i soldi investiti dai singoli siano migliaia di euro, non certo facilmente reperibili in paesi poveri o dilaniati da scontri), ma finanziano personaggi dubbi legati alla filiera del terrorismo.

Bloccare lo sbarco dei migranti non credo sia una risoluzione per persone senza cuore, contrapposti a moderni benefattori unici detentori di umanità. Impedire il viaggio, oltre a ridurne i numeri (perché partire se sono conscio che le possibilità di arrivare sono quasi nulle?), impedirebbe il finanziamento del terrorismo internazionale. Aprire gli occhi e comprendere che l’Isis, Al Qaeda e molti altri trovano guadagno da droga, armi e migrazioni selvagge sarebbe il primo passo per dimostrare lucidità.

Far sì che l’immigrazione incontrollata continui, probabilmente donerà un balsamo spirituale a chi oggi si sente parte della storia dei soccorsi (sicuramente persone eccellenti che si sacrificano all’idea di un bene superiore), ma mi stupisce come noi italiani, terra di “pizza, mafia e mandolini”, non ci uniamo compatti.

Tutti noi ci dichiariamo anti-mafia, ma non sappiamo più identificare cosa essa sia. Lo scafista che si confessa descrive una realtà allucinante: donne stuprate in modo cruento e selvaggio, uomini torturati in modi che neanche riusciamo ad immaginare. Non paghi, i delinquenti chiedono a costoro altri soldi con la minaccia di cederli ad altri gruppi che ricominciano con la spirale della violenza. I centri di detenzione pre partenza sono descritti come un inferno: container, lamiere, poste sotto il solo cocente e con dosi assai razionate d’acqua.

Per salvare i migranti da queste torture dovremmo impedire la partenza o rendere il business dei viaggi così poco attraente da non diventare più appetibile. È vero, ne faranno le spese vittime inermi della ferocia, ma non prendendo in mano la situazione altri innocenti subiranno lo stesso trattamento e questo eterno cerchio non sarà interrotto.

Parlare di migrazioni senza contemplare il finanziamento alla mafia è assurdo e da italiana mi indigno che non venga fatta questa associazione. Grandi magistrati, ma anche singoli negozianti coraggiosi (esasperati dall’assoggettamento alla mafia) hanno perso la vita o l’hanno dovuta rivoluzionare per donarci un pizzico di serenità ed ora non possiamo ammettere che malavitosi residenti in altri paesi sfruttino la disperazione dei migranti per arricchirsi.

Be the first to comment

Leave a Reply