No Picture

LA RIVOLTA D’UNGHERIA IN CELLULOIDE

11 Febbraio 2011 Nicola 0

Come altri drammatici avvenimenti del Novecento, anche la fallita “primavera” di Budapest non è sfuggita alla multiforme ”interpretazione” della telecamera. Pregi e limiti della cinematografia come possibile strumento di analisi storica.

No Picture

L’ERESIA CATARA

8 Febbraio 2011 Nicola 0

  Se si vuole affrontare l’intricata ed affascinante “questione catara” occorre innanzitutto contestualizzarla geograficamente e storicamente, rammentando che questo importante e rivoluzionario movimento religioso medioevale […]

No Picture

LA VISIONE ‘CORPORATIVA’ DI UGO SPIRITO

5 Febbraio 2011 Nicola 0

Più che una dottrina economica un viatico politico, filosofico e morale Nelle previsioni dell’intellettuale aretino, allievo di Giovanni Gentile e firmatario, nel 1925, del Manifesto degli intellettuali fascisti, l’essenza di una nuova ‘speranza’. A beneficio dei più deboli e della Nazione

No Picture

IL MESSAGGIO DI EVITA PERON

5 Febbraio 2011 Nicola 0

“Da che io lo ricordi, ogni ingiustizia mi fa dolere l’anima come se mi conficcassero dentro qualcosa. Di ogni età conservo il ricordo di qualche ingiustizia che mi fece indignare, dilaniando il mio intimo”.

No Picture

L’OLOCAUSTO ARMENO

4 Febbraio 2011 Nicola 3

Tra il 1915 e il 1918, all’interno dei confini dell’Impero Ottomano, si consumò quello che venne definito il primo ‘olocausto’ dell’era contemporanea. Una strage che portò all’eliminazione di centinaia di migliaia di cristiani armeni, colpevoli soltanto di appartenere ad un’etnia e ad un credo religioso differente

No Picture

FUTURISTI IN TRINCEA

4 Febbraio 2011 Nicola 0

Invasati dal patriottismo e dall’ardore per l’azione, i seguaci di Marinetti si mobilitarono a favore dell’intervento nella I Guerra mondiale. Alle parole fecero seguire i fatti, arruolandosi volontari per combattere gli austriaci.

No Picture

GRANDI ECONOMISTI: ALBERTO DE STEFANI

3 Febbraio 2011 Nicola 0

Il presente contributo non intende delineare in alcun modo le vicende biografiche dell’economista veronese Alberto de’ Stefani, ormai note. Piuttosto, desideriamo soffermarci su un suo contributo marginale, ma che riteniamo estremamente significativo, intitolato Confidenze e convinzioni; le considerazioni di questo saggio prendono le mosse dall’analisi dell’Autore circa lo stato della scienza economica e l’approccio metodologico seguito dagli economisti del tempo